News

GERMANIA ANNI 20

Werther a Broadway - il nuovo spettacolo di Giancarlo Sepe

 

in scena da giovedì 11 gennaio 2018 
WERTHER a Broadway
uno spettacolo di GIANCARLO SEPE

personaggi e interpeti
Perdicano Massimiliano Auci
Stella Sonia Bertin
Werther Marco Imparato
Rosina Federica Stefanelli
Camille Adele Tirante



Scene Alessandro Ciccone
Costumi Lucia Mariani
Musiche Davide Mastrogiovanni
a cura di Harmonia Team
Disegno luci Guido Pizzuti
Assistente costumi Tita Cuccia 
Organizzazione Grazia Sgueglia
Ufficio Stampa Luana Nisi

Produzione Teatro La Comunità

Werther a Broadway ideato e diretto da Giancarlo Sepe, è un fantasioso viaggio del protagonista del romanzo epistolare di Goethe nel mondo del teatro americano degli anni Cinquanta, con echi di café chantant e teatro brechtiano. 
Dopo Washington Square e Abecedario Americano Giancarlo Sepe chiude la trilogia dedicata al mondo dell’America degli Stati Uniti, fra gli anni quaranta e cinquanta, con Werther a Broadway. 

“Werther, il personaggio romantico creato da Goethe, che scrive lettere all’amico Guglielmo, per confidarsi con lui del suo impossibile amore per Lotte, donna già impegnata, quindi non disponibile… Werther che pensa all’amore pur schiacciato, nella sua terra di Germania, in guerre sanguinose che umiliano i suoi sentimenti di pace, Werther che prima di darsi la morte, da lui fortemente voluta, ripara in America, a Broadway, capitale del teatro, in un viaggio della speranza dove, forse, cerca di dimenticare la sua donna ‘proibita’… 
Attraversato l’oceano, incontra il teatro: un dedalo di passioni avvolgenti, dove si parla d’amore con le parole di Non si scherza con l’amore di Alfred De Musset. Attori che recitano e rappresentano i sentimenti sulla scena, che a volte non solo recitano, ma vivono sulla loro pelle, in un avvicendarsi di verità e finzione. Storie vere di camerino e storie finte di palcoscenico… 
Si salverà il giovane Werther dai suoi neri propositi di morte?” (Giancarlo Sepe) 

TEATRO LA COMUNITA’ via Giggi Zanazzo 1 (p.zza Sonnino – Trastevere)
Orario degli spettacoli: giovedì, venerdì e sabato ore 21 – domenica ore 18
Biglietti: Intero € 15,00 - Ridotto €10,00 - Entrata riservata ai Soci - Tessera associativa € 3,00
Info e/o prenotazioni: 06 581 7413 – 339 589 8413 info@teatrolacomunita.it

TRE SORELLE ALLA PROVA - Lab per attori diretto da Giancarlo Sepe

Da Lunedì 26FEBBRAIO a VENERDì 02 MARZO 2018 al Teatro La Comunità si terrà il laboratorioTRE SORELLE ALLA PROVA diretto da GIANCARLO SEPE.

Attori e Attrici alla prova con modalità legate alla pratica registica di Giancarlo Sepe, una lettura delle TRE SORELLE che parla del tempo che passa, in una verifica allo specchio dei singoli personaggi che raffrontano aspettative e risultati, in uno scontro tra passioni ardenti e passioni sopite. Si ricrea un passato, per capire meglio il presente, e confrontarsi con l'autore tra giochi antropologici e modalità di vita da fine '800.

   


_MODALITÀ DI PARTECIAPAZIONE_ 
Per partecipare inviare Cv e 2 foto a info@teatrolacomunita.com

_QUANDO_ 
22/23/24/25/26 Gennaio 2018 

_ORARIO_
Dalle 15.00 alle 19.00

_DOVE_
Teatro La Comunità
Via Giggi Zanazzo 1 (Trastevere)

Info e Costi:
cell. 339 5779641 
email: teatrolacomunita@gmail.com

WASHINGTON SQUARE - A GRANDE RICHIESTA PROSEGUONO LE REPLICHE-

 TEATRO LA COMUNITÀ

FINO  al 21 maggio

 

 

WASHINGTON SQUARE

(Storie Americane)

uno spettacolo di Giancarlo Sepe 

ispirato al romanzo di Henry James

 

 

 

Dal 30 marzo  al Teatro La Comunità il nuovo spettacolo di Giancarlo Sepe Washington Square (Storie Americane) ispirato al romanzo di Henry James. Le repliche proseguiranno fino al 7 maggio dal giovedì alla domenica.

 

Lo spettacolo, presentato dalla Compagnia Orsini in collaborazione con la Compagnia del Teatro La Comunità diretta da Giancarlo Sepe, è interpretato da Sonia Bertin, Marco Imparato, Silvia Maino, Pietro Pace, Emanuela Panatta, Federica Stefanelli, Guido Targetti, Adele Tirante e con Pino Tufillaro. Le scene e i costumi sono di Carlo De Marino, le musiche sono a cura di Davide Mastrogiovanni e Harmonia Team, il disegno luci è di Guido Pizzuti. 

 

Washington Square con il sottotitolo Storie Americane è,  nello spettacolo di Sepe,  un pamphlet dedicato alla lotta delle donne americane per ottenere la parità dei diritti. Un viaggio al femminile nella storia americana tra la fine dell’Ottocento e i primi anni del Novecento. 

Al centro della storia Catherine Sloper, minuta, insignificante e scialba di cui il padre, famoso medico della città, ne soffre le pochezze intellettuali e caratteriali, e che malvolentieri si trascina dietro per feste e balli. 

In un ballo appunto la ragazza incontra Morris un bel ragazzo che si dice innamorato e pronto a sposarla. Il dottor Sloper si oppone energicamente, sicuro che il giovane sia più attratto dal suo patrimonio che dalla bellezza della figlia, inesistente. 

Si scontra però con l’ostinazione di Catherine che cerca di sposare consapevolmente l’uomo "sbagliato", per esercitare il proprio diritto all’autodeterminazione, contro il parere dell'integerrimo padre e contro la società perbenista e puritana dei salotti “bene” di una New York tra la guerra di secessione e i primi anni Venti.

 

In Storie Americane, le vicende della più che benestante famiglia Sloper, si incastonano con quella  delle famiglie che, emigrate dall’Europa, hanno creato il Nuovo Mondo, sopportando ogni tipo di disagio e di lotta per arrivare ad ottenere una terra e creare il loro futuro. 

La scena è quella di una sala del museo cittadino dove le storie si dipanano tra cerimonie, matrimoni, funerali, nascite, esecuzioni, e feste nazionali, manifestazioni di suffragette, canzoni e ballate, in un susseguirsi di visioni del pensiero e della realtà cittadina, che al pari della storia della famiglia Sloper, si racconta tra solennità religiose e balli, agnizioni (l’apparizione dei familiari defunti) e romanze musicali, tutti alle prese con la nuova società americana: ingenua, puritana e violenta.

 

James è uno scrittore essenziale e cattivo, che condanna senza ascoltare ragioni o alibi, egli fa dei sentimenti dei veri e propri mostri che popolano la mente dei suoi personaggi e gli ambienti dove essi vivono. James non concede tregua ai nostri sentimenti che hanno voglia di raccontarsi, invece che essere liquidati con piccole esternazioni cupe e cattive (come fa il dottor Sloper), egli non concede spazi alla festa dell’amore, la chiude invece in una esperienza di morte da cui non riesce più a liberarsi, una morte fatta di silenzi e di remissione dei peccati, quelli di sopravvivere a chi non c’è più. Si dice sempre che quelli che vanno via sono i migliori, allora quelli che restano non contano nulla, sono innocue figure fatte di dabbenaggini e di animi popolari che non amano le raffinatezze. Resta un’America che si celebra pensando però più ai morti che ai vivi”  (Giancarlo Sepe)

 

 

 

______________________________________________________

 

 

TEATRO LA COMUNITA’ –  via G. Zanazzo 1 

 

Orario degli spettacoli: 

giovedì, venerdì e sabato ore 21 – domenica ore 18

 

Biglietti

Intero  € 15,00

Ridotto €10,00

 

Tessera associativa € 3,00

 

Info e/o prenotazioni: 06 581 7413  – 329 167 7203

teatrolacomunita@gmail.com 

 

 

Al via il Lab IL TEATRO E IL ROMANZO condotto da Giancarlo Sepe

Al Teatro La Comunità dal 25 al 29 Aprile 2017 partirà il laboratorio IL TEATRO E IL ROMANZO condotto da Giancarlo Sepe.

Verterà sulla drammatizzazione della pagina letteraria e sulle capacità che il teatro ha di proporle sulla scena. 

Per essere selezionati inviare cv e 2 foto a info@teatrolacomunita.com